Di seguito potrete esaminare l'articolo su FIRENZE IN ARMONIA pubblicato sul quotidiano LA NAZIONE il 14/01/2018

Comunicato stampa del Quartiere 1 pubblicato in data 14/06/2017 sulla RETE CIVICA del Comune di Firenze

Due nuovi defibrillatori nel Centro storico fiorentino. Uno verrà posizionato in piazzetta di San Miniato e l’altro in piazza della Passera dove già era stato collocato ma fu rubato. Un terzo verrà successivamente collocato nel giardino di Borgo Allegri per servire la zona di Santa Croce. “L’Associazione Firenze in Armonia – spiega il presidente del quartiere 1 Maurizio Sguanci – donerà un defibrillatore, per la zona di San Niccolò, venerdì 16 giugno e verrà collocato in piazzetta di San Miniato. La serata, organizzata in collaborazione con il locale il Rifrullo, prevede anche un concerto col gruppo fiorentino “I Ragazzi Scimmia”. Verrà fatta anche una raccolta fondi per aiutare le popolazioni terremotate di Amatrice. Firenze – aggiunge Sguanci – si sta dotando di defibrillatori in maniera capillare, anche all’interno delle farmacie comunali. Tutti questi Dae-defibrillatori per uso pubblico sono molto facili da usare e, l’obiettivo è avere un apparecchio pronto all’uso appena si verifica un arresto cardiaco. Il secondo defibrillatore, sarà donato dall’Humanitas Firenze Nord, in memoria di Antonia Marini, è verrà posizionato in piazza della Passera in sostituzione di quello rubato alcuni giorni fa”.

L’Associazione Firenze in Armonia ha come obiettivo quello di individuare, anno per anno, situazioni meritevoli di intervento nell’ambito della solidarietà sociale ed a loro devolvere i fondi raccolti nelle varie serate sociali, dedicate ad approfondimenti storici, artistici, economici, religiosi e musicali. L’Humanitas Firenze Nord, associazione di volontariato impegnata con trasporti socio-sanitari e emergenza 118 con sede a Firenze in via Ponte alle Mosse 93R è presente da più di 30 anni nel Quartiere 1 di Firenze.

 

 

Articolo del quotidiano LA NAZIONE del 23/03/016

 

«Firenze in Armonia» per il dialogo interreligioso

SEBBENE non sia certo il primo nella storia dell’umanità, il periodo che

stiamo attraversando è carico di contrasti ideologico-religiosi. Nonostante la

nostra sia l’era della globalizzazione e della digitalizzazione della realtà e

dei rapporti umani, sul panorama internazionale è il fanatismo religioso il

primo nemico della collaborazione tra culture e della condivisione tra gli

individui. Ecco perché una serata come quella organizzata dall’Associazione

Firenze in Armonia, mercoledì prossimo a Villa Castiglione (via di Colleramole

20, Impruneta) è occasione preziosa per conoscere la reale natura

delle tre religioni monoteiste, rappresentate ciascuna da un esponente di spicco.

A discutere sul tema «Immigrati: un confronto» saranno infatti il rabbino

capo di Firenze Rav Joseph Levi, Mohamed Bamoshmoosh, responsabile

per il dialogo interreligioso della Comunità Islamica di Firenze, e Don

Angelo Pellegrini, docente presso la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale.

«Ogni religione induce all’amore verso il prossimo per cui deve esistere un

rispetto reciproco nelle diverse credenze –anticipa il coordinatore dell’evento

Federico Faldi –. Ma nel contempo, per il buon vivere civile devono essere

rispettate le leggi dello stato ospitante e queste non devono essererne stravolte, é calpestate.

L’auspicio che ci auguriamo emerga da questo incontro è: «siamo uomini e ci piace sognare, costruiamo insieme un sogno d’amore».

 

Articolo del quotidiano LA NAZIONE del 23/03/016

“Hugo incontra Hugo” per beneficenza.
Domani sera alle 20.45 il Teatro Verdi si animerà con le note del musical “Hugo incontra Hugo”
(Notte Dame - I Miserabili), uno spettacolo a scopo benefico organizzato dall’Associazione culturale Firenze in Armonia, per raccogliere fondi a favore deIl’Ospedale Pediatrico Meyer.
A portare in scena le due opere di uno dei più apprezzati autori dell’800 sarà la compagnia teatrale Theaterland Project. “Si tratta di un unico viaggio nelle due opere importanti di Hugo - spiegano gli organizzatori - nel tentativo di calarsi nella mente dell’autore e nella profondità dei suoi scritti”. Un’occasione particolare dunque per uno spettacolo davvero originale e dare una mano all’Associazione.
Ingresso platea 24 euro, palchi 18. Info e prenotazioni: 336321539 fedfaldi@tin.it